I calcioni marchigiani

…quelli di Serra, o quasi!

ca 014

calcioni 003

calcioni 001

calcioni 004

I calcioni marchigiani

By 8 marzo 2016

Questa è una vecchia ricetta di famiglia che è stata elaborata per preparare in casa i calcioni caratteristici della località di Serra San Quirico la cui ricetta però rimane ancora segreta, è un dolce tipico del periodo di Pasqua ma nei forni di Serra San Quirico viene prodotto tutto l'anno. E' difficile definire i calcioni perché sono un po' dolci e un po' salati, il formaggio con lo zucchero conferisce un gusto tutto particolare e il tocco finale, sorprendente, è dato dal limone. Il ripieno è racchiuso da una sfoglia di pasta tirata a mano che dalle nostre parti è detta "perna". Nelle Marche i calcioni si trovano in diverse parti della regione e le ricette sono differenti tra loro perché frutto di tradizioni diverse. Nel maceratese si fanno i Picù (piconi) con la ricotta, sono famosi quelli di Treia ma nell'impasto non c'è lo zucchero e sono più piccoli, i calcioni di Serra San Quirico invece sono grandi con tanto ripieno dentro che deve fuoriuscire durante la cottura attraverso un bel taglio a croce praticato sulla sommità.

  • Prep Time : 1h 15 min
  • Cook Time : 30 minutes
  • Yield : 32 calcioni

Ingredients

Instructions

Preparare il ripieno: mettere i formaggi grattugiati in una ciotola capiente insieme ai tuorli d'uovo, lo zucchero e la scorza di limone. Amalgamare bene tutti gli ingredienti e far riposare l'impasto per 24 ore.

Il giorno successivo preparare la sfoglia. Se si impasta sulla spianatoia iniziare con una parte di farina, unire le uova, lo strutto e lo zucchero, poi man mano aggiungere altra farina fino ad ottenere un impasto morbido e liscio, ma non appiccicoso, che si stenda facilmente con il matterello. Stendere la pasta spessa circa 3 millimetri, disporre abbondantemente il ripieno di formaggio, ripiegare la pasta e tagliare con la rotella tagliapasta sigillando bene i bordi. Continuare fino ad esaurimento della sfoglia, impastando di nuovo i ritagli di pasta. Spennellare i calcioni con rosso d'uovo sbattuto, quindi praticare un taglio a croce con le forbici sulla sommità del calcione. Questo permetterà la caratteristica fuoriuscita dell'impasto durante la cottura.

Infornare a 180° e cuocere per circa 30 minuti.

Note: io ho tagliato la sfoglia con un tagliapasta rotondo da 10 cm e poi ho steso ancora il dischetto dando una forma ovale, in questo modo rimane meno pasta ai lati. Se usate una rotella tagliapasta la tecnica di preparazione è simile a quella dei ravioli, mantenendo però un lato di pasta chiuso. La quantità dei calcioni dipende da quanto vorrete farli grandi, ma non lasciate comunque molto spazio tra il ripieno e il bordo. Il taglio a croce deve essere ancora un po' più grande di quello che ho fatto io.

ricette pasquali

Partecipo all'evento #Ricettepasquali dell'Italia nel piatto

Print
10 commenti
  1. Elena
    Elena says:

    Cercavo la torta di rose,e mi sono imbattuta nei calcioni di Serra San Quirico! Favolosi, io li conosco bene, mio papà è nativo proprio di Serra, e appena posso vado a farmi la scorta. Purtroppo sono due anni che non ci passo, e mi mancano, di solito li prendo al forno Mattiacci, per me i migliori. Ora che ho trovato la ricetta credo che ci proverò. Grazie mille per aver condiviso la ricetta

    Rispondi
    • lucia
      lucia says:

      Grazie a te Elena, anche noi quando passiamo a Serra li prendiamo lì, io li adoro! Ma devo dire che questi che ho fatto sono venuti proprio simili! A presto

      Rispondi
    • Ivan
      Ivan says:

      Cara Elena la festa dei Calcioni quest’anno si svolgerà dal 5 al 7 maggio.
      Passa a trovarci.
      Saluti da Ivan
      Vice presidente Proloco.
      Per info contattami pure al 3485308379

      Rispondi
    • Ivan
      Ivan says:

      Festa dei Calcioni quest’anno si svolgerà dal 5 al 7 maggio.
      Passate a trovarci.
      Saluti da Ivan
      Vice presidente Proloco.
      Per info contattami pure al 3485308379

      Rispondi
  2. Silvia Brisi
    Silvia Brisi says:

    Non li ho mai assaggiati ma sicuramente come ogni ricetta tradizionale racchiude un sapore magico!!
    Se capiterò mai nelle Marche me ne farò una bella scorpacciata!!
    Buona serata!

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *