Torta Alessandra di Knam

Torta Alessandra di Knam

By 9 ottobre 2017

E' un ottimo incontro, quello della confettura di amarene, dal gusto un po' aspro, con la dolcezza della crema pasticciera e della crema frangipane. Dal libro "Che paradiso è senza cioccolato?" di Ernst Knam, la sua torta Alessandra, con due strati di creme, la pasticciera e la frangipane che nascondono le amarene, il tutto avvolto da uno strato friabile e croccante di frolla. Una spolverata di mandorle e una copertura di gelatina di albicocche completano questa torta buonissima.

  • Prep Time : 45 minutes
  • Cook Time : 45 minutes
  • Yield : 8 persone

Instructions

Prendete QUI la ricetta della crema pasticciera di Knam. Prendete QUI la ricetta della pasta frolla di Knam, utilizzando la totalità di farina bianca. Preparate in anticipo la frolla e la crema pasticciera.  Per la crema frangipane, con una frusta montate il burro con lo zucchero fino a ottenere un composto bianco e spumoso. Aggiungete a filo l'uovo sbattuto. Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati, aggiungete le farine, rigirando dal basso verso l'alto e dal centro verso l'esterno, per incorporare aria. L'impasto dovrà risultare liscio e omogeneo. Dividete la crema in due parti uguali.

Imburrate una tortiera del diametro di 20-22 cm. Stendete la frolla, che avrete tenuto in frigo, in un disco spesso circa 3 mm e foderate lo stampo. Farcite la torta con metà della crema frangipane, stendete poi uno strato di confettura e livellatelo con il dorso di un cucchiaio. Mescolate la restante crema frangipane con la crema pasticciera e stendetela sopra la confettura. Cosprgete la superficie con le mandorle e infornate a 165°C per circa 45 minuti. Quando la torta è fredda, lucidatela con la gelatina di albicocche.

Note: la pasta frolla di Ernst Knam ha una consistenza piuttosto croccante ed è molto dolce, io ho diminuito lo zucchero. Per la gelatina ho fatto scaldare la confettura di albicocche con poca acqua e mescolato fino a ottenere un composto semi liquido.

Print

 

2 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *