pan-026A

Conchas {Pan dulce Mexicano} ¡Bienvenidos a México!

 ¡Vamos a descubrir la comida mexicana!

 E siamo alla settima tappa dell’Abbecedario Culinario Mondiale, come Guadalajara, capitale dello stato di Jalisco, uno degli stati uniti della Repubblica del Messico. Da oggi per 3 settimane siete invitati a viaggiare con noi per sperimentare e conoscere la cucina messicana. Qui le regole per partecipare.  

Il territorio dello stato di Jalisco, nel periodo pre-ispanico, era abitato da diversi gruppi etnici, all’arrivo degli spagnoli gli abitanti del Messico nord-occidentale si sottomisero pacificamente alle autorità della corona spagnola. Per ottenere la conquista di questa regione diverse spedizioni sono state effettuate durante il primo terzo del XVI secolo, si spostano in queste terre Cristóbal de Olid (1521), Alonso de Avalos (1521), Juan Alvarez Chico (1521), Gonzalo de Sandoval (1522), Francisco Cortes de San Buenaventura (1524), e Nuño Beltrán de Guzmán (1530) accompagnato da Pedro Almíndez Chirinos e Cristobal de Oñate. Fu fondato così il regno della Nuova Galizia e successivamente, dopo spostamenti di sede della città, il 5 febbraio 1542, Cristóbal de Oñate, nominò i membri del nuovo consiglio per governare i destini della città nuova, e finalmente il 14 febbraio, 1542, la città fu fondata nel luogo in cui si trova attualmente. Il nome fu dato in onore della città spagnola di Guadalajara, paese natale di Guzmán.

I conquistadores spagnoli portarono in America le tradizioni europee e imposero una nuova religione. Da questa violenta fusione sorse la Nuova Spagna, una cultura meticcia. Tre secoli più tardi, ispirato alle idee rivoluzionarie che avevano pervaso la Francia, il sacerdote Miguel Hidalgo diede inizio a una guerra che sarebbe durata 11 anni (1810-1821) e che avrebbe portato il Messico all’indipendenza dalla Spagna.

Il Palacio Nacional, eretto dal conquistatore Hernán  Cortés nel 1524, è oggi la sede del Presidente della Repubblica che tutti gli anni, nella ricorrenza dell’ indipendenza dalla dominazione spagnola, si affaccia dal balcone e lancia il famoso grido “¡Que Viva Mexico!  Proprio sopra il balcone è posta la campana che il 16 settembre 1810 fu utilizzata dal sacerdote Miguel Hidalgo per dare simbolicamente il segnale d’inizio della rivolta, che iniziata come rivalsa contro l’ingiusto sfruttamento dei grandi proprietari terrieri terminerà nel 1821 con la piena indipendenza dalla casa madre spagnola. [fonte]

  {Runner del Laboratorio di Patrizia, tessuto a tela con pietre fatte a mano inserite durante la lavorazione}

Conchas {Pan dulce Mexicano} ¡Bienvenidos a México!

By 9 febbraio 2015

La "concha" è uno dei pani messicani più tradizionali e celebri ed è molto diffuso in negozi o panetterie del paese, prende il nome dalla copertura a forma di conchiglia che viene messa sopra al pane. Infatti la parola "concha" significa letteralmente "conchiglia" ma più in generale descrive il guscio che protegge molti corpi dei frutti di mare. E' un pane dolce lievitato morbido all'interno, come una brioche, e croccante fuori, ciò è dato dallo zucchero e la diversa consistenza della pasta della copertura. Il guscio è fatto con una sorta di pasta frolla, incisa per dare le sembianze di una conchiglia, in Messico oggi si trova anche un tagliapasta a forma di conchiglia che facilita la preparazione. Le incisioni si fanno  prima della fase di lievitazione, in questo modo la "concha" si spacca formando delle fessure.  I messicani, fin dai tempi pre-ispanici hanno sperimentato alcuni tipi di dolce, ma con l'introduzione della farina di grano da parte dei coloni spagnoli, che hanno insegnato agli indigeni a fare il pane, la "panadería" messicana ha iniziato a produrre una ricca varietà di forme. Oggi il Messico è un paese di grande tradizione di panificazione, secondo gli studi di settore ci sono circa 2.500 varietà di pane e questo fa si che il Messico  sia tra i primi al mondo per la ricchezza di forme e sapori.[fonte]

  • Tempo di preparazione : 3h 20 min
  • Tempo di cottura : 20 minuti
  • Quantità : 8 pani

Ingredienti

Istruzioni

Fase 1 - Preparazione lievitino
In una ciotola profonda sciogliere il lievito di birra con l’acqua, unire la farina lo zucchero e un uovo. Coprire con pellicola e lasciare riposare in un luogo caldo e buio per mezz'ora o fino a quando il volume è aumentato e si sono formate le bolle. Tenere da parte.
Fase 2 - impasto
Mescolare la farina con lo zucchero, il sale e la vaniglia, poi aggiungere il latte e l’uovo, lentamente incorporare il burro fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.
Coprire con un panno e lasciare riposare fino a quando il lievitino è pronto.
Integrare  l’impasto al lievitino, in questa fase potrebbe essere necessario aggiungere un po' di farina se l’impasto è troppo  morbido. La sua consistenza dovrebbe essere simile a una pasta brioche. Impastare per 10 minuti e lasciare riposare fino al raddoppio di volume.
Fase 3 – conchiglia
Mentre l'impasto raddoppia di volume, mescolare tutti gli ingredienti della copertura in una ciotola, fino ad ottenere una pasta elastica. Dividere a metà l’impasto, in una metà della pasta aggiungere la polvere di cacao e mescolare. Coprire e tenere in frigo  fino all’uso dei gusci.


Fase 4 - Costruzione delle conchas
Quando la pasta avrà raddoppiato di volume, sgonfiare delicatamente impastando un paio di minuti.
Dividere l’ impasto in 8 palline del peso di 40 grammi, rotolare sul piano di lavoro e dare una forma semicircolare, appiattendo lievemente con il palmo della mano delicatamente. Sistemare le conchiglie sulla teglia, tenendole  separate circa cinque centimetri l'una dall'altra.
Prendere la pasta di copertura e dividerla  in otto parti, stendere in otto dischi  poco più piccoli del panino e coprire la superficie delle conchas. Fare una leggera pressione per far aderire bene la copertura. Spennellare la superficie delle conchiglie con l'uovo leggermente sbattuto. Fare delle incisioni con un coltello affilato creando la forma di una conchiglia o altre forme a piacere.  Far lievitare i pani fino al raddoppio di volume, circa 20-30 minuti. Cuocere in forno preriscaldato a 180 ° C per 20 minuti.

Note: ho dimezzato le quantità e ho fatto 8 panini più piccoli, ho praticato le incisioni della conchiglia con un coltello di ceramica appuntito.

Qui la parte 1 e parte 2 del video della preparazione di Lorena

Dall'idea di Aiù di Trattoria Muvara, per l'Abbecedario Culinario Mondiale sarò io a raccogliere tutte le vostre ricette messicane. Lasciate pure il link nella sezione dei commenti.

QUI tutta la raccolta delle ricette

Print
93 commenti
  1. Patrizia
    Patrizia says:

    Prima di tutto le mie scuse: non cucino seriamente da mesi, se si escludono due uova al tegamino, pasta con la passata fatta quest’estate e poco più.. ma prima o poi ritorno a cucinare! Però non mi va di latitare vergognosamente, così ti lascio qualche link a ricette “messicane” più o meno fedeli che risalgono a tempi di più seri spignattamenti.
    Fantastici i piatti delle/o giramondo!!!

    pomodorini ripieni di guacamole: http://melagranata.it/2010/indice/antipasti/fingerfood/carabineros/
    mexican salsa salad:http://melagranata.it/2011/indice/secondi-di-carne/insalate-e-contorni/insalate/mexican-salsa-salad/
    fajitas, tortillas ripiene:http://melagranata.it/2009/indice/antipasti/fingerfood/street-food-che-passione/

    Ora vado a mettere i link e il logo!!

    Rispondi
  2. Tamara
    Tamara says:

    Carissima Lucia buongiorno, per il momento ti lascio il famoso pane dei morti messicano ti lascio anche il titolo in lingua originale, io non posso metterlo perché mi sballa il SEO (Pan de Muertos mexicano) è un ottimo pane da colazione, spero di arrivare a fare altro, è un mese denso…un abbraccio

    Rispondi
  3. elena
    elena says:

    Ciao Lucia, questa settimana è stato un delirio, ma eccomi qui con qualche piatto quasi messicano, una mia elaborazione (vengono dall’archivio), spero vadano bene…
    http://zibaldoneculinario.blogspot.it/2013/04/la-mia-salsa-chili.html
    http://zibaldoneculinario.blogspot.it/2013/04/il-mio-chili-vegetariano.html (fagioli in salsa chili e Tortilla Chips )
    http://zibaldoneculinario.blogspot.it/2014/10/guacamole-modo-mio.html

    ho già cucinato una ricetta salata che arriverà presto ed ho in mente qualcosa di dolce…vedremo! A presto! ciao!

    Rispondi
  4. elena
    elena says:

    che meraviglia pure il Mexico!!!
    anch’io ho già qualcosa pronto per questa tappa e tante idee in mente!!! bellissima ricetta la tua! bacioni!

    Rispondi
  5. brii
    brii says:

    ah che bello il Mexico!! Bellissima presentazione e golosissimi questi panini!!
    Noi siamo andati nel 2001 e ci è piaciuta moltissimo.
    Ok, tiro fuori qualche foto, cerco qualche ricetta e torno!
    Baciussss

    Rispondi
  6. resyrm
    resyrm says:

    Questi panini sono golosissimi, e chissà quante altre meraviglie ci riserva la cucina messicana, Un attimo per riprendermi dal viaggio e vedremo quale piatto mi avrà ispirato di questo paese. A presto Lucia

    Rispondi
  7. rosa maria
    rosa maria says:

    Che meraviglia Lucia :) chissà se mi animerò a rifarle!!!! Non vedo l’ora di raggiungerti in Messico….e mi sa che qualche chicca musicale pure te la regalo!!!!! Un abbraccio

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *