Monkey bread salato alla paprica e rosmarino

monkey bread 003

monkey bread 005

Monkey bread salato alla paprica e rosmarino

By 28 marzo 2017

Una ricetta di pane insolito, fatto di tanti bocconcini immersi nel burro fuso dopo la prima lievitazione, poi conditi singolarmente, assemblati in uno stampo. Il “monkey bread” è un dolce tipico della cucina americana, nella versione dolce i bocconcini vengono aromatizzati con zucchero e cannella, ma esiste anche una versione salata.

Queste piccole palline di pasta erano molto popolari nella metà dell’Ottocento, era un pane favorito da pionieri e cowboy perché facile da cuocere nei forni olandesi portatili. L’origine del nome, anch’esso insolito, rimane ancora incerta. Come ci dice la “Encyclopedia of Jewish Food”, esiste un dolce simile nella cucina ungherese, introdotto in America da immigrati ungheresi, fatto di palline di pasta passate nel burro e condite poi con cannella e zucchero, e frequentemente arricchite anche con noci tritate. Nel 1972, nel libro di cucina pubblicato da Betty Crocker apparve una ricetta di “Aranygaluska”, indicata come " Torta da caffè ungherese". Quando questo dolce ebreo-ungherese ha cominciato ad essere più popolare in America, l’Aranygaluska è stato confuso con il “Monkey bread” le cui palline di pasta non erano immerse nella cannella e zucchero ma solo nel burro. Il “Monkey bread” divenne ben presto il nome più comune, e ciò che molte persone conoscono come “Monkey bread” oggi, è in realtà Aranygaluska.

Come sempre le storie delle origini si intrecciano tra loro, dando vita a situazioni nuove o, come in questo caso, ricette nuove, ma vi assicuro che vale la pena prepararlo. E’ una pasta lievitata, a metà strada tra il pane e la brioche, non ci sono uova ma solo burro e latte, la consistenza è molto soffice e si possono fare tantissime varianti, dolci e salate. Io ho condito una parte dei bocconcini con parmigiano e paprica dolce e la restante con rosmarino  e scorza di limone, dopo averli passati nel burro fuso aromatizzato con aglio.

  • Prep Time : 30 minutes
  • Cook Time : 35 minutes
  • Yield : 8 persone

Ingredients

Instructions

Nella ciotola dell’impastatrice mescolate insieme il lievito e il latte tiepido. Lasciate riposare il composto per 5 minuti. Unite l'olio d'oliva, il sale e la farina. Utilizzando il gancio impastate per 5-10 minuti, o fino a quando la pasta è elastica e liscia (in alternativa, potete mescolare gli ingredienti in una grande ciotola e impastare a mano fino a quando la pasta è liscia ed elastica). Trasferite l'impasto in una ciotola leggermente unta d'olio e coprite con un canovaccio o pellicola trasparente. Lasciate lievitare per 1 -1 ½ ore, o fino a quando l’impasto è  raddoppiato di volume

Preriscaldate il forno a 175° C. Preparate 3 ciotoline, una con burro fuso e aglio in polvere, una con parmigiano e paprica, una con scorza di limone, rosmarino e pepe nero, tenete da parte. Sgonfiate delicatamente la pasta e stendetela sul piano di lavoro ad un’altezza di circa 1 cm, tagliate la pasta in circa 27 pezzi. Con ogni pezzo formate una pallina (più o meno della grandezza di una grossa noce).

Passate le palline prima nel burro fuso, poi, una metà delle palline nel formaggio e l’altra metà nel rosmarino. Alternate i condimenti e adagiate le palline in uno stampo a ciambella del diametro di circa 23 cm, imburrato. Coprite lo stampo con un canovaccio o pellicola e lasciate l'impasto a lievitare per circa 30 minuti.

Cuocete in forno per 35-40 minuti o fino a quando il pane è marrone dorato. Lasciate che il pane si raffreddi sulla griglia per circa 5 minuti. Servire tiepido, ma anche freddo è buonissimo.

[fonte ricetta]

Print
4 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *