Mushroom and Chickpea Masala

Masala di funghi e ceci

“Ho appena terminato di leggere “La maga delle spezie” di Chitra Banerjee Divakaruni e capita a proposito la nuova edizione di Novel Food che ho scoperto con piacere da Simona del blog Briciole. Con piacere perché un’altra mia passione, oltre alla cucina e alla musica, sono i libri, per intenderci, io sono una di quelle che, se le prestano un libro da leggere e le è piaciuto, va subito in libreria ad acquistarlo (dopo averlo letto!)…

Novel Food #19

Tilo, abbreviazione di Tilottama, si chiama come i semi di sesamo bruciati dal sole, pronunciando i voti di maga, rinuncia al suo corpo e al suo futuro umano per assumere le sembianze di una vecchia curva e stanca, dagli occhi intensi. Rapita dai pirati nel suo piccolo villaggio indiano e vissuta in un’isola sconosciuta, arriva a Oakland in California, lasciandosi alle spalle il passato, per diventare una maga delle spezie. Nella sua bottega di spezie magiche, Tilo ha il compito di aiutare i suoi connazionali, anche loro immigrati in America e per ognuno di loro ha un piccolo incantesimo, polvere di sandalo che allevia il dolore del ricordo, zenzero per riaccendere la fiamma della vita, semi di coriandolo per far vedere chiaro, pepe nero per far trapelare i nostri segreti, cumino che protegge dal malocchio, cannella capace di procurare amici, balsami per lenire le ferite, unguenti per guarire dai dolori del cuore…

“La bottega ogni giorno ha un colore, un profumo. E se sapete ascoltare, una melodia”

“A uno stufato piccante di cavolfiori simili a bianchi pugni aggiunge garam masala per dare pazienza e speranza”

I just finished to read “The Mistress of Spices” by Chitra Banerjee Divakaruni and it happens right now, for new edition of Novel Food, which I discovered with pleasure by Simona of Briciole.

And then I have imagined to enter the shop of the spices, i sensed fragrances, saw colors, learned words like naan (bread), garam masala (mixture of spices), Lanka (hot pepper), kalo Jire (cumin), dhania (coriander seeds) …

“the bazar every day has a color, a fragrance. And if you know how to listen, a melody”

 …and I found the inspiration for this masala sauce (or curry) with chickpeas, peas and mushrooms, soooooo spicy, accompanied by naan, the Indian bread.

“To a spicy stew of cauliflower like white fists add garam masala to give patience and hope”

Mushroom and Chickpea Masala

By 30 giugno 2013

…e ho trovato l’ispirazione per questa salsa masala (o curry) con ceci, piselli e funghi, mooooolto piccante, accompagnata dal naan, il pane indiano.

Sinonimo di curry, il masala è, secondo la tradizione indiana, una miscela di spezie sapientemente combinate. In cucina, luogo quasi sacro in tale cultura, la preparazione delle spezie è un momento centrale e la combinazione di spezie ed erbe deve essere diversa a seconda del piatto al quale si abbina. Potrebbe essere tanto soave da rendere ogni singola spezia distinguibile nel suo aroma o talmente forte da irritare al minimo contatto con le papille gustative. Può combinare anche 60 spezie differenti. Resta comunque il segno distintivo di ogni buona cucina di casa. I masala sono l’anima della stragrande maggioranza delle pietanze preparate in India, mentre in occidente sono praticamente sconosciuti. Universalmente è invece noto il termine curry, termine europeo, che deriva dal nome tamil "cari", salsa piccante.  Furono gli Inglesi a commercializzare per primi questa miscela, per evitare di dover scegliere, tostare e macinare ogni volta le varie spezie da utilizzare per questi stufati, e chiamarono il mix «Curry powder», indicando la mistura piuttosto che il piatto cucinato. Da noi troviamo la polvere di curry nei barattolini di vetro già pronta ma una volta aperta conviene consumarla a breve perché non mantiene a lungo il suo aroma. In India l'equivalente europeo del curry (inteso come miscela di spezie) viene indicato con il termine masala. Vi sono decine e decine di masala differenti: un tempo nelle cucine dei ricchi signori indiani esistevano veri esperti in miscele di spezie che selezionavano e preparavano le misture per i loro padroni.  Il termine curry (o masala), in India in realtà viene utilizzato per indicare il condimento di verdura, pesce o carne, con cui si accompagnano il riso o il pane, presenti ogni giorno sulle tavole indiane. Oggi, in molti paesi del mondo, “curry” indica più in generale una pietanza.

  • Prep Time : 20 minutes
  • Cook Time : 30 minutes
  • Yield : 6 persone

Ingredients

Instructions

Colleen ci racconta che se ci fosse un ingrediente segreto per la cucina indiana, sarebbe garam masala (pronunciato GAH-rum mah-SAH-lah). Infatti, questo misterioso mix di spezie è citato in quasi tutte le  ricette indiane. Garam significa "caldo" e masala significa "miscela di spezie". Questo non significa necessariamente che sia piccante,  in realtà la parola "caldo" si riferisce al calore del profumo e sapore. Ci sono molte varietà di  Garam Masala, ma Colleen ci propone la versione Punjabi poiché è quella che la mamma di suo marito le ha insegnato.

Questa ricetta richiede semplicemente di macinare le spezie intere per ottenere un sapore forte e fresco. Si possono anche tostare le spezie prima di macinarle, tale operazione conferisce alle spezie un mix più caldo e un gusto più dolce. Provate entrambi i metodi per scoprire la vostra preferenza.

Preparazione della zuppa:

Scaldare l'olio in una grande casseruola a fuoco medio e aggiungere la cipolla tritata. Lasciar cuocere a fuoco lento fino a quando non avrà preso colore. Unire l'aglio tritato e aggiungere il pepe, lo zenzero in polvere e il peperoncino. Lasciar cuocere a fuoco lento, poi unire il concentrato di pomodoro, i pomodori arrostiti (tagliati e messi al forno con poco olio), la paprika, il garam masala e i pomodori freschi a dadini. Togliere dal fuoco e con un frullatore ad immersione ridurre il composto in purea. Riportare la pentola sul fuoco e aggiungere il pepe di Cayenna. Lasciar cuocere per qualche minuto. Sciacquare i ceci, pulire e tagliare i funghi in piccoli pezzi e aggiungere al composto. Lasciare cuocere coperto per circa 5 minuti e poi aggiungere anche i piselli risciacquati. Sobbollire senza coperchio per altri 5 minuti o fino a quando i ceci, i funghi e i piselli sono teneri. Servire immediatamente con naan o riso basmati.

Note: della ricetta di Garam Masala ho fatto metà quantità ma, come consiglia Colleen, è in effetti un po’ difficile pesare pochi grammi…Ho usato il peperoncino rosso secco nostrano, e forse anche per questo la zuppa è risultata piccantissima, infatti quelli Kashmiri indicati nella ricetta di Colleen sono molto meno piccanti, quindi consiglio di ometterli, dato che nella zuppa, oltre al mix di spezie Garam Masala, è previsto altro peperoncino! Infatti anche la varietà di peperone Anaheim (un peperone piccolo e fresco) è poco piccante, ma io, avendo anche qui, messo quello rosso fresco nostrano, sempre molto piccante, ho ottenuto un mix "esplosivo"! Il cardamomo nero può essere sostituito da quello verde o semplicemente omesso. Per quanto riguarda la ricetta della zuppa, sono previsti *pomodori arrostiti in lattina, ma dato che da noi non si usano, li ho arrostiti nel forno. Infine, ho utilizzzato olio extra vergine al posto dell’olio di canola (Canola è il marchio di un tipo di olio di rapa Canadese non usato in Europa).

fonti:   http://www.leziosa.com/curry.htm   http://www.altromercato.it      http://www.acurryofalife.com/garam-masala-the-magic-spice/

Con questa ricetta partecipo al contest di "Chiacchiere e cucina"

La ricetta va a Cinzia del blog Cindystar, per la raccolta dell'Abbecedario Culinario Mondiale dal progetto di Aiù della Trattoria Muvara

 

Print

19 commenti
  1. cinzia
    cinzia says:

    Grazie, Lucia, per questa profumata zuppa, quanto mi piacerebbe avere u negozio come la maga delle spezie! 🙂
    Per favore, ricordati di aggiungere i link appropriati all’Abbecedario e alla pagina ospitante del mio blog, il logo solo non basta 😉

    Rispondi
  2. Deb in Hawaii
    Deb in Hawaii says:

    I loved both the book and movie versions of Mistress of Spices–such a magical story. 😉 Your curry looks amazing, especially partnered with the gorgeous naan. A great pick!

    Rispondi
  3. ruhama
    ruhama says:

    This book sounds fabulous–anything about spices is always intriguing! My book club read Spice (by Jack Turner) last year and it was fascinating. We always try to pair our snacks with the book and this recipe would have been perfect!

    Rispondi
  4. Simona
    Simona says:

    Hai scelto un libro davvero intrigante e me lo devo leggere (e poi se si svolge ad Oakland ho un motivo in piu’). E mi piace davvero quello che hai preparato. E’ esplosivo non solo per il gusto. Anche se di piatti indiani ne ho cucinati pochi (e incredibilmente ancora non ho provato a fare il naan) ho imparato diverse cose importanti dalle food blogger indiane che leggo, una delle quali e’ la tostatura e macinatura di spezie come il cumino e il coriandolo subito prima di usarle. Andare a far spesa un negozio di alimentari indiano e’ un’esperienza particolare per i sensi. Le foto sono davvero appetitose. Grazie infinite per la partecipazione a Novel Food.

    Rispondi
    • lucia
      lucia says:

      Bentornata cara Elena! Beh, questo è tremendamente piccante, la combinazione delle spezie non è cosa da poco! Baci

      Rispondi
  5. Gianni B.
    Gianni B. says:

    Le ricette molto piccati mi attirano sempre molto, interessante costui, credo sia adatta a coloro che amano il genere, congratulazioni, un caro saluto.

    Rispondi

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] qualche tempo mi sono appassionata alla cucina indiana, in realtà però, questo piatto ha origini incerte ed è stato oggetto di dibattito qualche anno […]

  2. […] quest’anno, le ho subito mostrato la ricetta indiana che ho preparato qualche giorno fa per Novel Food. Sheeja è appunto di nazionalità indiana, è di Kerala nel Cochin, sud dell’India. Lavora nel […]

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *