Riso Venere e zucchine croccanti

Non conoscevo il  riso Venere fino a che, la mia amica Anna me lo ha consigliato, e devo dire, a ragione! E’ un riso integrale dal colore viola scuro e dal profumo intenso, che durante la cottura invade la cucina! Per preparare questo particolare riso, non si deve mai farlo tostare come si fa normalmente per il risotto, ma occorre prima far bollire il riso per almeno 45-50 minuti e successivamente farlo saltare in padella per 8-10 minuti per amalgamarlo con gli altri ingredienti. Io l’ho già preparato una volta facendolo bollire per 50 minuti, coprendo la pentola con un coperchio. Tuttavia, per accorciare il periodo di cottura si può mettere il riso in ammollo per almeno tre ore e il tempo di cottura si ridurrà così a circa 18-20 minuti. Oggi l’ho preparato con zucchine croccanti e limone, cuocendolo però, nella pentola a pressione.

Riso Venere e zucchine croccanti

By 16 marzo 2013

Riso Venere alle zucchine croccanti, aromatizzato al limone, un piatto speciale che ho preparato per il WEEKEND HERB BLOGGING, raccolta settimanale di ricette con erbe, fiori, frutta e verdure.

  • Prep Time : 15 minutes
  • Cook Time : 15 minutes
  • Yield : 4 persone

Ingredients

Instructions

Cuocere il riso Venere nella pentola a pressione per 12 minuti. Intanto pulire e tagliare le zucchine a piccoli dadini, poi passarle nel pangrattato e saltarle in padella con poco olio. Quando saranno dorate e croccanti metterle da parte. Scolare il riso (l'acqua ha un naturale colore violaceo) nel piatto da portata e condire con un’emulsione preparata con il succo di mezzo limone, olio, sale e pepe. Aggiungere le zucchine croccanti e decorare con la scorza grattugiata di limone.

Il Venere è una varietà di riso dal colore viola scuro, quasi nero, è un riso dal chicco piccolo e profumato, con un aroma che ricorda il pane appena sfornato, tipico dei risi orientali. L’aroma lo si percepisce annusando da vicino i chicchi crudi e diventa sempre più incisivo grazie all’azione del calore della cottura. La colorazione è naturale perché il pericarpo, la pellicola più esterna, ha il colore dell'ebano, mentre quello delle spighette tende al grigio. Il Venere è un riso integrale che non viene sottoposto ai trattamenti che lo privano dei tegumenti, infatti, grazie ad un diverso tipo di macinatura viene rimossa esclusivamente la buccia, parte non edibile del prodotto, permettendo così di ottenere un riso più ricco e stabile in nutrimenti. È considerato un’importante fonte di fibre.

Viene coltivato in ristrettissime zone della pianura Novarese e deriva da un prezioso e antico riso cinese geneticamente incrociato con linee di risi Padani.
E’ conosciuto anche come "RISO DELL'IMPERATORE" perché la sua coltivazione originariamente, era riservata all'imperatore cinese e alla sua corte. Il suo nome, dedicato alla Dea dell'Amore, deriva dal fatto che nell'antica Cina veniva considerato altamente afrodisiaco.  Ancora oggi in Cina il riso nero è considerato un alimento prezioso ed è consumato da persone anziane, da gestanti, da malati, per la ricchezza di proteine e di sali minerali (ferro, manganese, selenio).
Venere nasce nel 1997 grazie all’opera del Centro Ricerche Sa.Pi.Se ed è stato messo a punto da un ibridatore cinese, Dott. Wang Xue Ren, che da più di dieci anni vive e lavora nel vercellese ed è stato ottenuto da una razza sperimentale messa a disposizione dall'I.R.R.I. (International  Rice Research Institute) che ha sede nelle Filippine e che è il più importante ente per lo sviluppo delle varietà di riso nel mondo. Si è così realizzato un riso che ha le stesse proprietà e caratteristiche del Riso Nero cinese. [fonti  http://www.risoedintorni.it     http://www.risovenere.it/riso-venere/]

Questa ricetta è il mio contributo al  WHB # 375, ospitato questa settimana da Cristina del blog Tutto a occhio. Questo è un evento che va avanti ogni settimana dal 2005, grazie a Kalyn di Kalyn’s Kitchen la fondatrice. L’attuale organizzatrice è Haalo di  Cook (almost) anything at least once, ma la versione italiana è organizzata da Brii di Briggishome.

Print

5 commenti
  1. Simona
    Simona says:

    Questo riso e’ davvero particolare. Viene chiamato anche “forbidden rice,” quindi quando lo si mangia si ha un po’ l’emozione di fare una cosa proibita. Ottimo l’accoppiamento con le zucchine.

    Rispondi
    • lucia
      lucia says:

      Ciao Simona, non sapevo fosse chiamato anche così, ha a che fare forse col fatto che in Cina era considerato afrodisiaco?Chissa! Comunque è veramente buono! Un abbraccio 🙂

      Rispondi
  2. Maurizia
    Maurizia says:

    Davvero complimenti per la ricetta….. il adoro il riso, anche quello Venere , chissà che buono con il sapore delicato delle zucchine!
    Saluti
    Maurizia

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *