Zuppa di farro e fagioli

Farro and bean soup

Scroll down for english version

Il farro è una pianta erbacea, il suo nome scientifico è Triticum Dicoccum, appartiene alla famiglia delle graminacee e lo si può trovare in commercio in due tipologie: il primo, quello decorticato, è quello integrale ed ha bisogno di qualche ora in ammollo prima di essere sottoposto ad una lunga cottura. Il secondo è quello perlato dove il farro viene quasi completamente privato del rivestimento esterno in modo da evitare l’ammollo accorciando così i tempi di cottura (ma in questo modo viene eliminata una grande quantità di fibre). L’aspetto della pianta del farro è molto simile a quella del grano e la sua coltivazione risale ad oltre 5.000 anni fa; questo tipo di grano è coltivato ormai in tutto il mondo ed uno dei suoi punti di forza è il guscio esterno molto duro. Infatti questo rappresenta una valida protezione per il farro che viene così preservato dall’attacco dei parassiti, dalle sostanze chimiche e malattie varie.

Grazie all’alta solubilità in acqua il farro consente al nostro organismo di assorbire più facilmente le sostanze nutritive in esso contenute; inoltre il farro contiene dei carboidrati dalle particolari proprietà in grado di favorire la coagulazione del sangue e di stimolare allo stesso tempo il nostro sistema immunitario. Grazie all’alto contenuto di proteine il farro è in grado di dare una sensazione di sazietà subito dopo il suo consumo, contiene una maggior percentuale di proteine rispetto al grano che sono più digeribili. Inoltre, il farro contiene molte sostanze anallergiche e molte persone che non possono tollerare il grano a causa di problemi allergici possono tranquillamente sostituirlo con il farro. 

Zuppa di farro e fagioli

By 8 dicembre 2013

Ancora una ricetta con il farro perlato da agricoltura biologica, questa volta in versione invernale. Una zuppa calda davvero gustosa, con il farro unito ai fagioli borlotti, al prosciutto, profumata di maggiorana fresca.

  • Prep Time : 10 minutes
  • Cook Time : 1h 40 min
  • Yield : 4 persone

Ingredients

Instructions

La sera precedente mettere a bagno in acqua fredda i fagioli secchi. Il giorno successivo lessare i fagioli per circa 45 minuti in 1 litro d'acqua. Intanto mettere a bagno in acqua fredda il farro mondato. In un tegame con l'olio fare un soffritto di cipolla tritata con lo spicchio d'aglio, il gambo di sedano e le foglioline di maggiorana, unendo il prosciutto tritato. Al soffritto aggiungere la salsa di pomodoro (o i pelati tagliati a pezzetti), il sale e il pepe. Versare nella minestra il farro risciacquato, abbassare la fiamma e cuocere per circa 45 minuti. Prima del termine unire i fagioli (volendo si può frullare una parte di fagioli), terminare la cottura e servire con maggiorana fresca.

English version recipe

Ingredients
250 g dried beans
250 g  tomatoes sauce (or peeled tomatoes)
150 g farro (pearl spelled)
100 g ham
1 clove of garlic
1 onion
1 stalk celery
fresh marjoram to taste
3 tablespoons extra-virgin olive oil
Salt and black pepper to taste

Method
The evening before, soak the beans in cold water. The next day, boil the beans for about 45 minutes in 1 liter of water. Meanwhile, soak  washed farro in cold water. In a pan with oil to make a fried chopped onion and garlic, celery and marjoram leaves, combining the chopped ham. Add tomato sauce to the mixture (or chopped tomatoes), salt and pepper. Pour in the soup the rinsed farro, reduce heat and simmer for about 45 minutes. Before the end add the beans (if you want you can blend a portion of beans), finish cooking and serve with fresh marjoram.

La ricetta va a Ivy del blog Dolce senza Zucchero che ospita sia in italiano che in inglese. Grazie a Kalyn di Kalyn's kitchen, a Haalo di Cook almost anything e a Brii di Briggishome

Print

5 commenti
  1. Silvia
    Silvia says:

    Mi piacciono tutti i cereali ma il farro è quello che preferisco sia d’inverno che d’estate! Ottima questa zuppa corroborante e ricca di fibre e proteine!
    Un abbraccio
    Silvia

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *