La ribollita toscana

La ribollita toscana

By 26 gennaio 2018

 

Pane toscano, di Montepulciano, cavolo nero, la ricetta di Labna e alcune indicazioni di Giulia per la ribollita, piatto tipico e diffuso in tutta la Toscana. Ce ne sono infinite ricette come spesso succede nella cucina tradizionale, ogni famiglia ha la sua variante, alcuni mettono la verza, altri le patate, ma il pane raffermo, il cavolo nero e i fagioli sono sempre presenti, tanto che viene chiamata zuppa di pane o anche zuppa di cavolo nero e fagioli. Si tratta di una pietanza tipica della tradizione contadina e il termine "ribollita" deriva dall’abitudine delle contadine toscane di preparare una grande quantità di questa minestra e poi riscaldarla, e appunto ribollirla, nei giorni successivi, è per questo che nel tempo la zuppa ha preso il nome di "ribollita". Nell'Artusi infatti troviamo la ribollita definita, al n°58, come "Zuppa toscana di magro alla contadina" con cavolo nero, patate, fagioli bianchi, bietolina, verza e "un poco di pepolino", cioè timo selvatico. La ricetta che vi propongo, con qualche modifica, è della toscana Sarah Fioroni che utilizza cipolla rossa, fagioli bianchi frullati, carota e cavolo nero, ma per essere davvero una ribollita che rispetta la tradizione, la zuppa deve essere riscaldata almeno una seconda volta perché acquista più sapore.

Avevo già assaggiato la ribollita di Firenze con tutte le verdure, recentemente, alla scoperta della magica Val d'Orcia, ne ho gustato una variante con orzo, non proprio classica ma che rispecchia quel modo antico di utilizzare gli ingredienti di cui si dispone al momento, quello che la terra offre nella stagione.

 

  • Prep Time : 20 minutes
  • Cook Time : 1h 20 min
  • Yield : 6 persone

Ingredients

Instructions

 

La sera prima mettete a bagno i fagioli con acqua fredda. Il giorno successivo lessate i fagioli e frullateli insieme a poca acqua di cottura. In una casseruola soffriggete la cipolla affettata  nell'olio per 5 minuti, aggiungete il sedano e la carota tagliati a cubetti e continuate a soffriggere ancora 10 minuti. Unite la passata di pomodoro e 80 ml di acqua poi aggiungete anche il cavolo nero, privato della parte fibrosa centrale e spezzettato grossolanamente. Fate cuocere la zuppa per una decina di minuti, quindi aggiungete la purea di fagioli e la restante acqua e fate cuocere per 30 minuti circa o fino a quando le verdure sono tenere. Tagliate a dadini il pane e mettetelo nella pentola, fate bollire la zuppa per 15 minuti, poi togliete dal fuoco e mescolate bene. Fate riposare la zuppa a fiamma spenta per un quarto d’ora.

 

Print

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *