Chutney di prugne

chutney 005

chutney 010

 

 

 

Il chutney è una salsa agrodolce fatto di frutta e cotto in una miscela di aceto, verdure, zucchero e spezie, con la consistenza simile ad una marmellata. Originario dell’India, viene preparato con ingredienti di stagione e più raramente è dolce, quindi diciamo che molte ricette, compresa questa di Jamie Oliver che io ho cambiato un po’, non sono propriamente tradizionali indiane. La responsabilità  di questa trasformazione dei chutneys, come ci dice l’editorialista Andrew Wheeler, si deve alla  presenza britannica in India iniziata nei primi anni del 17° secolo, con l’istituzione della British East India Company.  Gli inglesi hanno una predilezione per le conserve di frutta che risale almeno al tempo dei Tudor e secondo la  storica del cibo Anne Wilson, sembra plausibile che i britannici di ritorno dall’India portarono con loro i sapori locali e lo fecero nel modo migliore che conoscevano: conservandoli. Ebbe un senso per loro aggiungere lo zucchero all’aceto al fine di conservare la frutta, in realtà il chutney originale non sarebbe destinato ad essere esageratamente dolce e neppure composto da quei tipi di frutta che noi oggi utilizziamo. A riprova, una ricetta di  “chutney indiano” di una famiglia di un ufficiale inglese del 19° secolo recita: “otto once di pomodori, dieci once di mele, otto once di zucchero di canna, e una pinta e mezzo di aceto”, e ancora, una “vera e propria ricetta indiana” apparsa su “Good Housekeeping” intorno allo stesso periodo, contempla anch’essa zucchero di canna, aceto e mele. Ma non si trattava di vere ricette indiane poiché le mele non venivano coltivate ​​in India a quel tempo, ma sostituivano il mango quando non era reperibile.

La maggior parte delle ricette più famose di chutney originali sono realizzate con noce di cocco, menta, coriandolo, aglio, zenzero, mango, tamarindo, peperoncino rosso,  peperoncino verde, lime, arachidi, cumino, fieno greco, assafetida e pomodoro. I chatni indiani inoltre sono freschi e si devono consumare entro pochi giorni.

Tre sono gli elementi importanti per la maggior parte dei chutneys, il dolce, l’amaro e il piccante, un equilibrio di sapori che ha reso i chutneys indiani famosi in tutto il mondo. L’elemento dolce è spesso introdotto utilizzando frutti come mango, frutta secca, zucchero grezzo. L’acidità è ottenuta con l’aggiunta dell’aceto, del tamarindo, del limone o del lime. L’elemento piccante viene aggiunto utilizzando peperoncini freschi, secchi o polvere, e altre spezie come cumino, finocchio, pepe nero in grani e cannella.

Chutney di prugne

By 7 luglio 2016

chutney formaggio 006

chutney 004

 

 

La versione molto "british" del chutney indiano di Jamie Oliver, "chatni" dalla lingua hindi, una salsa agrodolce data dall'abbinamento di zucchero e aceto. Questa con le prugne, cipolla e spezie è piccante e dolce. Io l'ho servita con il formaggio ma è ottima con la carne, in particolare il chutney di prugne è adatto con il formaggio cheddar e per carni grasse come l'anatra. Il chutney asprigno si può utilizzare anche in crostate abbinato a formaggi cremosi. Un chutney famoso e molto buono è quello di mango, anch'esso molto versatile, con il pollo o usato come base per il curry, come condimento per un panino con pollo arrosto e lattuga.

  • Prep Time : 15 minutes
  • Cook Time : 60 minutes
  • Yield : 500 ml

Ingredients

Instructions

Per un barattolo da 500 ml

Affettate finemente la cipolla, lavate, snocciolate e tritate grossolanamente le prugne. Scaldate l'olio vegetale in un tegame abbastanza grande e aggiungete la cipolla, fate cuocere dolcemente a fuoco basso fino a quando è ammorbidita e dorata. Aggiungete le foglie di alloro e le spezie, soffriggete per un minuto, poi aggiungete le prugne. Unite lo zucchero (in stagione potete aggiungere la scorza grattugiata di un’arancia e il suo succo).

Aggiungete l'aceto di mele e portate ad ebollizione, quindi fate sobbollire lentamente fino a quando il liquido è evaporato e la chutney è ridotta e densa, mescolando di tanto in tanto durante la cottura. Versare il chutney nel barattolo appena tolta dal fuoco e sigillare.

Note: Jamie mette a sterilizzare il barattolo in forno a 100°C per 30 minuti, fa bollire in acqua la guarnizione di gomma (o il coperchio) del barattolo per circa 10 minuti.

Da Le spezie.net
Cuocete a lungo perché gli ingredienti abbiano il tempo di fondersi e le spezie si mischino bene a frutta e verdura, sino ad ottenere una consistenza simile a quella di una marmellata e ricordate che, proprio come accade per la marmellata, raffreddandosi il vostro composto si addensa ulteriormente. Lasciate riposare il chutney almeno un mese perché in tal modo gli ingredienti continuano ad amalgamarsi e diventerà più gustoso.

 

Print

 

2 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *