Dolce mattone

 

Dolce mattone

By 20 ottobre 2012

Benvenuti nel mio blog!
Eccomi qui ad iniziare questa nuova avventura…del gusto
ma prima…
ringrazio Tommaso, senza il quale questa avventura non sarebbe stata possibile e
ringrazio Lucio, per essere stato il primo sostenitore di questo blog (e assaggiatore felice dei miei piatti!).

La mia mente è affollata di ricette, penso alla mia raccolta messa insieme negli anni, prima in un piccolo quaderno pieno di appunti in ordine sparso, scritto e riscritto, più di una volta ricopiato con l’intento di una bella calligrafia che però risultava tale solo nelle prime pagine. Poi, con la magia della scrittura al computer, sono riuscita a scrivere e ordinare tutte le ricette, corredate di foto…a pensarci ora sembra quasi un antesignano blog… cartaceo!
Dunque, in vista del primo post penso alla Torta di Rose (ispiratrice di questo blog) che preparo (facilmente) e fotografo (con non poca ansia e difficoltà), senonchè, la mia cara amica Annamaria mi fa avere un libro fantastico (anzi due), sui dolci della tradizione maceratese, scritto da Manuela Di Chiara, con le fotografie di Lucilla Di Chiara. Tra i tanti dolci della memoria, uno attira in particolare la mia attenzione…il “ Dolce mattone” che mette subito in moto i ricordi. Quando ero adolescente, non sapevo cucinare, ma i dolci si, mi piacevano (e mi piacciono molto tuttora, ahimè, con tutte le conseguenze del caso! ) e qualche volta li preparavo. Questo, a maggior ragione, dato che è molto semplice e non richiede, cottura.
Recentemente, più di una volta, mi è capitato di chiedere a mia madre se avesse ancora la ricetta della “mattonella” scritta da qualche parte…niente da fare! Ma, come dice sempre la mia amica Maria Carla - niente succede per caso - e ora… eccola qua!

  • Prep Time : 30 minutes
  • Cook Time : 2h 00 min
  • Yield : 10/12 persone

Instructions


Sbattere i rossi d’uovo con 100 gr di zucchero a velo, con l’aiuto delle fruste elettriche, fino ad ottenere un composto cremoso. Mescolare il resto dello zucchero con il burro, fatto ammorbidire a temperatura ambiente, ottenere una crema liscia che dovrà essere mescolata delicatamente alla precedente. Montare a neve i 2 albumi e unirli al composto, mescolando ripetutamente, con delicatezza, dal basso verso l’alto. Aggiungere infine il cioccolato ridotto in piccole scaglie. Versare il caffè, precedentemente preparato e fatto raffreddare, in un piatto fondo, quindi iniziare a bagnare i biscotti (biscotti secchi dalla forma piatta, quadrata o rettangolare) nel liquido girandoli da entrambe le parti. Scolare bene i biscotti prima di adagiarli sul piatto da portata. Proseguire inzuppando tutti i biscotti in poco caffè in modo che si ammorbidiscano ma che non risultino troppo bagnati, tanto da disfarsi. Completare il primo strato di biscotti, formando un quadrato o un rettangolo e spalmarvi sopra una parte di crema. Continuare a bagnare i biscotti nel caffè e formare un secondo strato distribuendo sopra ancora crema al burro, infine formare un ultimo strato di biscotti al caffè (io ne ho fatti quattro strati). Coprire la “mattonella” con un canovaccio umido e metterla in frigo a riposare per qualche ora. Prima di servire, spolverare il dolce con un leggero strato di cacao amaro.
La ricetta è tratta dal libro “Ricette, ricordi, racconti” di Manuela Di Chiara

Print
5 commenti
  1. Cinzia
    Cinzia says:

    Mia zia mi faceva sempre
    Il dolce mattone quando ero piccola, tanti tanti anni fa… nessuno ricordava la ricetta è quindi grazie!!! Finalmente! E il dolce di mia zia era esattamente come quello della tua foto!

    Rispondi
  2. luana
    luana says:

    Un consiglio?…al posto del cacao ricoprite con cioccolato fondente fuso a bagno maria con un cucchiaione di nutella…potete fare anche 5 strati di biscotti!

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *