Sformatini di patate e Parmigiano alle erbe aromatiche su crema di peperoni arrostiti

#PRChef 2015

Sformatini di patate e Parmigiano alle erbe aromatiche su crema di peperoni arrostiti

By 6 Luglio 2015

"Solo chi va all’essenza raggiunge l’eccellenza" è questo lo slogan del nuovo contest della Parmigiano Reggiano applicato al cibo e al gusto. O per dirla con Mies Van Der Rohe "less is more" - meno è di più - che applicò il concetto all'architettura ma applicabile senz'altro ad altri aspetti della vita, alla fotografia, alla pittura, al nostro stile di vita. E' senza dubbio più difficile creare con poche cose, il contest Parmigiano Reggiano Chef 4Cooking infatti ci richiede l'uso di soli 4 ingredienti per creare un piatto originale esaltato da questo formaggio, prodotto italiano d'eccellenza. E' togliendo, e non aggiungendo che si esaltano le materie prime di qualità, che si può fare un'esperienza gastronomica coinvolgendo tutti i sensi. Il mio contributo è un piccolo sformato di patate profumato con erbe aromatiche appena raccolte, Parmigiano grattugiato, accompagnato da una crema semplice di peperoni rossi arrostiti.

  • Prep Time : 30 minutes
  • Cook Time : 45 minutes
  • Yield : 6 persone

Instructions

Arrostire il peperone nel forno girandolo su tutti i lati, raffreddare e togliere la pelle, mondare l'interno e tagliare a filetti, quindi frullare insieme all'olio, il sale e lo zucchero fino ad ottenere una crema.

Grattugiare la patate formando delle piccole fettuccine, unire l'uovo, le erbe aromatiche tritate, il peperoncino, pochissimo sale e il Parmigiano grattugiato. Mescolare tutto delicatamente. Imburrare uno stampo da muffin e versare il composto. Cuocere in forno preriscaldato a 180° C per circa 30 minuti.

Accompagnare con la crema di peperoni arrostiti.

Print

4 commenti
  1. Valentina
    Valentina says:

    Bellissima ricetta, anche la foto mi piace un sacco, ho scoperto il tuo sito dal quale di sicuro attingerò delle idee, sia per le foto che per le ricette, perchè me ne sono già innamorata

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *